Nuovi Arrivi

TROZZELLA MESSAPICA

Dettagli Prodotto

Periodo: 350-300 a.C.

Dimensioni: Altezza massima 21 cm, diametro della bocca 10 cm

Note:

Ricomposta, incrostazioni

Prezzo: €620.00

Descrizione:

Ceramica Messapica, Puglia, fine del V secolo a.C. Rara trozzella con orlo leggermente estroflesso a tesa e labbro arrotondato, collo troncoconico distinto, corpo ovoide schiacciato e allungato verso il basso, piede a disco, alte anse a nastro ripiegate e sormontanti caratterizzate da decorazioni circolari a rotella impostate sul labbro e sulla spalla, parte di massima espansione del corpo decorata a filetti in bruno. Ex Collezione privata, Lecce.

La trozzella è una forma vascolare caratteristica della civiltà messapica, la parola trozzella è la forma italianizzata della voce dialettale salentina tròzzula (dal latino trochlea = carrucola), che significa rotella. Probabilmente si tratta della trasposizione in ceramica dell'anfora in metallo (bronzo) munita di un sistema di corde e rotelle (carrucola) utilizzata per l'emungimento di acque sorgive (da falde) o di acque di raccolta (da cisterne), era lo strumento domestico di corredo più caro presente nella tomba femminile. La trozzella compare in Messapia intorno al VI secolo a.C., inizialmente è decorata con pittura monocroma in stile geometrico, prima più rigido (meandri, scacchiere, zig-zag) e poi meno (cerchi, rosette, stelle e volute); successivamente intervengono elementi vegetali (rami di edera, fronde di olivo); la decorazione figurata talvolta si arricchisce di rare rappresentazioni umane e animali (galli, grifi); con l'avvento dell’ellenismo sulle trozzelle compaiono anche decorazioni timidamente policrome ispirate alla ceramica di Gnathia.

Comunicazione alla Soprintendenza Archeologica di Bologna Cod. 09/2022

richiedi informazioni
Ti invitiamo a leggere l'Informativa Privacy