Nuovi Arrivi

Stele votiva in legno

Dettagli Prodotto

Periodo: 664-525 a.C.

Dimensioni: Altezza 43 cm; Larghezza 31,5 cm

Note:

Scheggiature, fratture e perdite di colore

Prezzo: €0.00

Descrizione:

Periodo Tardo XXVI Dinastia, 664-525 a.C. La stele centinata ed organizzata in quattro zone: nello spazio arcuato superiore sono raffigurati due occhi udjat – o “occhio di Horo” – contrapposti, come augurio di buona salute, tra loro il disco solare, simbolo dell’eternità e una linea orizzontale di iscrizione geroglifica; segue la zona riservata al testo principale composto da 8 colonne, che riportano la consueta formula d’offerta funeraria di cibo, bevande, abiti e tutto ciò che potrà servire al defunto nell’aldilà. Nel registro mediano, il defunto stante ha le mani alzate in segno di adorazione, indossa il gonnellino con plissettatura centrale, di fronte a lui, seduto sul trono, il dio Ra-Horakthy con testa di falco, disco solare sul capo e scettro in mano, indossa una veste aderente, separata da una colonna geroglifica una scena speculare con il defunto adorante di fronte al dio Atum, con corona composita e scettro, sotto di loro una riga di iscrizione geroglifica. Completa la tavola il registro inferiore con una serie di 6 croci Ankh.

Di uso funebre, identificava il defunto rendendone vivo il nome e provvedeva, attraverso immagini e parole, affinché egli avesse tutti i beni necessari per un'agiata vita nell'Aldilà. Durante il Primo periodo intermedio avevano forma rettangolare con decorazioni molto semplici ma erano comunque già parte integrante del corredo funebre insieme al sarcofago.

Comunicazione alla Soprintendenza Archeologica di Bologna Cod. 50/2015

richiedi informazioni
Ti invitiamo a leggere l'Informativa Privacy