Arte Egizia

Statuetta di Bastet in legno

Dettagli Prodotto

Periodo: 672-342 a.C.

Dimensioni: Altezza 28 cm, Lunghezza 13,5 cm

Note:

Integra, perdite di colore, incrostazioni       

Prezzo: €0.00

Descrizione:

Periodo Tardo 664-332 a.C. Rara statuetta in legno della dea Bastet in forma di gatta assisa; zampe anteriori diritte, dorso arrotondato, coda ripiegata in avanti lungo il fianco destro dell'animale; muso dai particolari lavorati finemente; indossa il collare usek dipinto intorno al collo.

Bastet è una delle più importanti e venerate divinità dell'antica religione egizia, raffigurata o con sembianze femminili e testa di gatto o direttamente come un gatto. Si tratta di una divinità dai tratti solari simboleggiante il calore benefico del sole, venerata per la sua potenza, la sua forza e la sua agilità Gli antichi egiziani chiamavano "myeu" il gatto; addomesticarono quelli che vivevano ai bordi del delta del Nilo, originariamente per debellare i topi che infestavano i granai. Ma poi, col passare del tempo, non ci fu casa o tempio o edificio che non registrasse la presenza di almeno un gatto, tenuto peraltro con ogni cura. Quando uno di questi felini moriva, si dice che il padrone usasse radersi le sopracciglia in segno di lutto per l'animale e di rispetto nei confronti della Dea. Il culto di Bastet raggiunse una diffusione tale che il gatto in Egitto era protetto dalla legge. Era vietato fargli del male o trasferirli al di fuori dei confini del regno dei faraoni. Chi violava tali disposizioni era passibile di pena di morte. Nonostante le leggi egizie proibissero l'esportazione dei gatti, ritenuti animali sacri, i navigatori fenici li contrabbandarono

Comunicazione alla Soprintendenza Archeologica di Bologna cod. 54/2013

richiedi informazioni
Ti invitiamo a leggere l'Informativa Privacy