Arte Etrusca

ATTINGITOIO IN BUCCHERO

Dettagli Prodotto

Periodo: 750-600 a.C.

Dimensioni: Altezza 12,3 cm

Note:

Integro

Prezzo: €420.00

Descrizione:

Civiltà Etrusca, Seconda metà del VII secolo a.C. Attingitoio in bucchero nero sottile con orlo leggermente estroflesso, collo cilindrico svasato in alto, ansa verticale a nastro sormontante impostata sul labbro e sulla spalla, corpo ovoide, basso piede troncoconico, decorata sul collo con solcatura orizzontale. Tipo Rasmussen 1979, 1b: G. Rasmussen “Bucchero Pottery in Southern Etruria” Cambridge 1979.
Il bucchero è la tipica ceramica etrusca, si distingue per il colore nero e brillante delle superfici, che non è dovuto a una vernice, ma al particolare procedimento di realizzazione. L’argilla accuratamente depurata e lavorata al tornio veniva cotta in forni ermeticamente chiusi dove, in assenza d’aria, si verificava un processo di ossidoriduzione degli elementi chimici dell'argilla. Il nome deriva da un termine portoghese, “bucàro”, che significa terra odorosa ed era attribuito a vasi peruviani di terracotta colorata, molto ammirati in Italia nel periodo in cui si praticavano i primi scavi nelle necropoli etrusche. Il bucchero fu per la prima volta introdotto a Caere, dove, intorno alla metà del VII secolo a.C. furono realizzati i primi servizi da mensa, per imitare la lucentezza dei vasi metallici, molto più costosi e pesanti.
Comunicazione alla Soprintendenza archeologica di Bologna Cod. RPS 10/2009

richiedi informazioni
Ti invitiamo a leggere l'Informativa Privacy